Salone del Mobile di Milano 2012 Trends


Return to origins…the Salone del Mobile di Milano once again this year predictably was stormy, overcast, periodically sunny and on occasion moved by spontaneous gusts of wind.  More or less the same unpredictable weather was reflected in the world of design below.  On one side objects created by personalities, such as Rossana’s glasses, randomly appeared while others thought that the mere power of a brand name, in this case Moroso exhibiting but a single object, puts it in a position to initiate an entire design movement.  Others, like Clino Castelli, Also Cibic, and an eight-year-old girl, found themselves under one roof in the Fabbrica del Vapore telling the story of innovation through pearl earrings and tables with extrusions in the form of a flower.

Fabbrica del Vapore

However, the feeling of being in limbo persists while the age old question is asked yet again, what will be the trends of the future to which our living spaces and objects will we have to conform to?  I would say that there was at least two reasonably clear trends in evidence this time around.  The first is formal and can be summarized under the word "Reduction"; the second is more of a conceptual attitude towards industrial design rather than designed objects in and of themselves that I would call "Digital Crafts".

La Riduzione – Reduction (less is less)

The lightness seen during this salone was either minimalist by Nendo, or ironic at the hands of Gilad, yet always characterised by a defleshing of form and composition of the object.  Forms are pure, materials natural and untreated, structures are put on show.  Even the components of products are reduced, often opting for simple connections left exposed or open joints highlighting joining elements (screws, holes, plugs etc…).

 

Ron Gilad at Dilmos @ Salone Milan 2012

 

Even in such stripped back products the widespread use of hybrid materials, including dirtied transparencies, rubberised and mixed materials.  Take for example Patricia Uquiola’s table designed for Budri on show at the Triennale with a marble top that slowly becomes resin based towards the corners while showing the structure that supports a metal mesh below.  The interesting thing is that this table was displayed in an exhibition curated by Marmomacc, a brand that brings together companies who work and produce high-end marble.

Patricia Uquiola’s marble top table designed for Budri

Similar situation for Iperbolica and Alessandro Ciffo’s seats, made in hyper-coloured silicone that seem inflated yet instead were simply filled with polyurethane foam.  They are objects that deceive our senses, they reveal their true nature only if experienced and observed, they talk about their structure but mystify at the same time, overlapping materials, colours, and finishes different in themselves.  In these cases reduction is a cognitive process of appropriation of the object, it is the user that defleshes the product by deconstructing it mentally first.

Alessandro Ciffo designed seats for Iperbolica

Interiors, however, such as the kitchen, bathroom and living room are cosseted in wood, linen and cotton, felt and leather, granite, ceramics and metal in almost abstract forms that intuit hyper technology but in actuality are warm and natural.  For example, Boffi had an interesting installation juxtaposing ultra modern and archetypal products made from Corian, ceramics and wood, with antiques and old and rusty seats.  There were super nostalgic place settings composed of oxidised silver cutlery next to working surfaces made of superlight techno steel.

One wonders whether the use of traditional materials, so durable and able to withstand weather and changes in tastes, doesn’t signal a need for stability in a time as precarious and confusing as ours is today.

L’Artigianato Digitale - Digital Crafts (made by mouse)

With Digital Crafts I mean all those objects self-produced thanks to 3D printing.  The principle is quite simple: relying on third party semi-finished economical sheets of material, you choose a material and you print all the structural components and snap them together to build your model.  Then connect everything with standard screws and gears, and if you have with you an Arduino processor and a printer that discharges plastic with a solidifying catalyst, you can complete your little homemade factory in just under half a cubic meter.  At this point you program the computer to do it and you can build small objects without the help of any training. 

Milano’s Lambrate area was swarmed with these kinds of objects as could be seen in the collaborative exhibition between Audi and the Palazzo Clerici, small semi-self-produced machines, capable of building physical plastic models.  The beauty of these objects is in the irregular texture created as a result of continuous solidifying layers.  Unfortunately the final products are very fragile and to make a simple juicer takes twelve hours!  From this perspective this "Maker Facility" is hardly efficient, but perhaps the value lies in the fact that one can see to fruition one’s ideas here and now. If that immediacy is always a good thing is yet to be understood.

Merci-Merci from Paris

In short, design, like the rest of us, is looking for new ways to grow by trial and error, it moved about Milan a little like an accidental tourist.  As long as we are talking about creativity everything more or less worked, but once the concept of ‘industrialising’ ideas comes into play weaknesses soon become apparent.  What is somewhat perplexing is that the old way of making beautiful objects for all was absolutely lacking, or at the very least is risking to be reduced to a kind of a pauper’s ready-made attitude that honestly is a bit disheartening.  In between the visual noise there were, however, some shining examples of beautiful ready made here and there: Tom Dixon produces lamps by numbers (and gives them away!), Ikea makes intelligent products accessible to all (at a price), and Merci Merci Paris donates (again money) its profits to charity thanks to the help of Paola Navone.  The economy is flailing, industrial production has a malaise and even hypsters are not doing so well…what can we expect next year?  Only time will tell!    

 

Trend report by Baolab - Baolab is a laboratory which works on materials and their emotional and performance properties with the aim of recognizing and designing the emotional identity of industrial products and brands.

Orginal text in Italian:

Ritorno alle origini. Quali?

Il Salone del mobile di Milano, anche questo anno si è presentato puntuale sotto il diluvio, le nuvole, tratti di sole e rari colpi di vento. Più o meno lo stesso andamento altalenante si è visto nel mondo del design.

Da un lato si vagava tra auto celebrazioni personalissime con gli occhiali di Rossana o incensamenti del potere del marchio il cui solo nome, Moroso in questo caso, pur mettendo in mostra un singolo oggetto si crede in grado di ricreare interi modi; dall’altro invece figuri come Clino Castelli, Aldo Cibic e una bimba di otto anni si sono trovati tutti insieme sotto il tetto della Fabbrica del Vapore per raccontare come costruire ruote innovative, orecchini con perline e tavolini con tubi estrusi a forma di fiore.

Ma rimane, nonostante la sensazione di perenne sospensione, l’imperiosa domanda: quali saranno le tendenze future cui gli spazi del nostro vivere e gli oggetti che le costruiscono si dovranno inchinare?  Direi che questa volta se ne individuano almeno due con abbastanza chiarezza: la prima è formale e si può riassumere con il termine di “Riduzione”, la seconda invece riguarda più un’attitudine concettuale al disegno industriale che non gli oggetti in se, la chiamerei “Artigianato Digitale”.

La Riduzione (less is less)

La leggerezza vista a questo salone può essere minimale con Nendo o ironica con Gilad, quasi sempre è comunque scarnificazione formale e compositiva dell’oggetto.

Le forme sono pure, i materiali sono naturali e non trattati, le strutture vengono messe in evidenza.  Anche le componenti che costituiscono i prodotti vengono ridotte, spesse volte ad esempio si opta per incastri molto semplici lasciati a vista o per la libera esposizione delle giunture in ogni loro singolo elemento (viti, fori, tasselli etc…)

Nei prodotti così ri-puliti però si nota a volte anche un ampio uso di materiali ibridi, con trasparenze sporche, gommature e passaggi transmaterici. Su tutto vale l’esempio del tavolo esposto in Triennale di Patricia Urquiola disegnato per Budri con un piano in marmo che lentamente passava ad essere resina verso gli angoli, lasciando intravedere la struttura di sostegno a rete metallica sottostante. La cosa interessante è che questo tavolo fosse esposto nella parte della mostra curata da Marmomacc, un brand che raccoglie le aziende che lavorano e producono marmi di qualità.

Stessa cosa per le poltrone Iperbolica di Alessandro Ciffo,  realizzate in silicone super colorato che sembrava gonfiato e invece erano riempite di semplice poliuretano espanso.

Sono oggetti un po’ ingannatori, che svelano la loro natura solo se esperiti o ben osservati, raccontano la loro struttura ma la mistificano, sovrapponendo materia, colori e finiture molto diverse tra loro. In questi casi la riduzione è da intendersi come processo cognitivo di appropriazione all’oggetto: è l’utilizzatore che scarnifica il prodotto decostruendolo.

Negli interni invece,  nelle cucine, come nel bagno e nei living, si trovano legno, lino e cotone, feltro e cuoio, granito, ceramica e metallo organizzati in forme quasi astratte che lasciano intuire prestazioni ipertecnologiche espresse però attraverso un mondo più caldo e naturale.

Da Boffi ad esempio c’era un interessante allestimento fatto con l’unione di prodotti ipermoderni e archetipici in Corian, ceramica e legno, con oggetti antichi e sedie vecchie e arrugginite. C’erano dei posti tavola apparecchiati con posate d’argento ossidato assolutamente nostalgici, vicino a piani di lavoro in acciaio superleggero.

Viene da chiedersi se l’utilizzo di materiali così duraturi e tradizionali, capaci di resistere a intemperie e cambi di gusto, non segnali un’esigenza di stabilità in un periodo così precario e confuso.

L’Artigianato Digitale (made by mouse)

Con artigianato digitale intendo tutti quegli oggetti autoprodotti grazie ad un 3D printing. Il principio è piuttosto semplice: ci si appoggia a costruttori esterni di semilavorati in lastra a costo ridotto, si scelgono dei materiali e ci si fa fabbricare tutte le componenti strutturali ad incastro per costruire il tuo modellatore. Poi unisci il tutto con viti ed ingranaggi standard, e avendo con te un processore Arduino e un colatore che scarica la plastica con il catalizzatore per solidificarla, puoi completare la tua fabbrichetta in meno di mezzo metro cubo.

A questo punto programmi il pc e riesci a costruire piccoli oggetti senza problemi di sottosquadro.  Di prodotti così era invasa la zona di Lambrate, e se ne vedevano molti anche nella mostra in partnership con Audi a Palazzo Clerici: piccole macchinette semi-autoprodotte, capaci di costruire modelli fisici in plastica.

Il risultato è bello nella texture, un po’ ruvida e irregolare per i continui passaggi a strati dell’ugello colatore, ma ha poca resistenza e per fabbricare uno spremiagrumi ci mette dodici ore.  Vista con un po’ di prospettiva questa “Maker Facility” ha poca efficienza, se non quella di veder concretizzate hic et nunc le proprie idee progettuali. Che l’immediatezza sia sempre sia una cosa buona è ancora da capire.

Insomma il design, come noi del resto, sta cercando nuove vie muovendosi su sentieri un po’ accidentati.

Finchè si parla di creatività tutto più o meno funziona, quando invece si arriva al concetto di “industriale” si scoprono alcune fragilità.  Quello che lascia sempre un po’ perplessi è che l’antica idea di fare delle cose belle per tutti o non c’è nella maniera più assoluta oppure rischia di tradursi in una specie di ready made pauperista e onestamente un po’ triste.

Nel mezzo però ci sono esempi fulgidi: Tom Dixon che produce lampade con macchine a controllo numerico (e le regala), Ikea che rende sociale (e stiamo parlando di mera quantità di denaro necessaria all’acquisto) oggetti intelligenti e Merci Merci Paris che dona in beneficenza il suo margine (stiamo ancora parlando di denaro) grazie all’aiuto di Paola Navone.

L’economia è morente, la produzione industriale è malata e anche gli hypster non stanno tanto bene.

You may also like...

Spring Summer 2013 Precious Trend by MIX

Spring Summer 2012 Trends

Milan Trends 2011 by Baolab

Milan Design Week 2010