Milan Trends 2011 by Baolab


Present Perfect.  A new call to order: classic forms reappear in the home as contemporary icons.

Limited edition pieces and democratic design.  Industrial processing and craftsmanship.  Hyper-technological fabrics and natural materials.  The furniture industry offers them all.  But is there really one trend?  Something that might identify the times we live in?  What is the future of our homes and what role does design have within them?  The question, although asked just in light of the recent Milan Design Week furor, is a rhetorical one but nonetheless valid.

The trends presented during the Salone were more than a collection of individual objects.  They suggest new solutions and ways of living that tend to emphasize the value of "free space" in the form of bright and open interiors, free of functional constraints and leaning towards a new environmental quality.  There were ‘amphibious’ products capable of travelling between interior and exterior spaces without losing integrity or functionality.  There was rampant linguistic and typological cross-contamination of many kinds between design and technology, art, craftsmanship and even fashion.  The bathroom in a home becomes more like a spa and visa versa.

In the same breathe, thanks to web connectivity, design solutions have become more refined and comfortable for the home office that has been carved out in a nook or even one integrated in the home.  Office design language seeks perfection within existing typologies with greater attention given to colour, components and technical systems, yet on the other hand, partakes in linguistic and behavioural interpolations translated from different spaces, such as shop and hotel design.

Environments become multi-sensory.  Furniture is more and more arranged as experiential events creating an emotive setting, or configured as icons emphasizing
the micro and the macro scale.  Meanwhile outdoor furnishing becomes more indoors and visa versa; in the outside space creature comforts and colour are inspired by interior spaces while clearly in interior spaces there is a desire to recreate, or at least represent even artificially, nature.  Outside spaces and enclosed spaces can create fluid areas with meeting points where the threshold between the natural and artificial softens and even disappears.

It is the Arts & Crafts of the third millennium, a road run by innovation and tradition that leads to a contemporary work in progress.  This time it is the Ottoman richness mixed in with Nordic design where natural oak and stitched leather, blown glass and cool colours warm up the environment and pay homage to the great past of Nordic design schools.  The studio is that of Autoban, a duo formed by an architect and a designer who in a few years landed in New York in the form of De La Espada from the shores of the Bosphorus.  The brand’s motto, created by a Portuguese man and a Spanish woman on a trip from London in ’96 is “substance triumphs over style, when it does not forget the importance of the modern touch”.

Autoban in not an isolated case of intermixing, it is more than a flash in the pan.  There is a return to order, with rules built on new gestures and ancient wisdom.  Tom Dixon has entrusted tapestry makers George Smith with the realization of the Wingback Chair, the modern edition of the classic chair from the 18th century.  Hella Jongerius, from the Netherlands, has, for years, been inspired by design from memories.  It was in 2008 with her contemporary touch that she reinterpreted the traditional wooden kitchen chair, Rotterdam Chair, for Vitra.  The vibrant hand-made IKEA wall hangings made manually in cooperation with Indian women are also her creation.

Materials create value.  Surely in 2011 materials creates added value.  Products are born to tell a story based on a specific material choices and precise finishes.  We can see how what were once considered as the final stages of production, the choice of wood or fabric or even paint finish, have today risen to a much more important role.  That is why Edra, in collaboration with Francesco Binfaré, has taken the historic design Paesaggi Italiani by Massimo Morozzi and revived it with large doors made ​​of solid African mahogany planks.  Barely treated and using wood from trees selected according to maturity rather than farming trees that deeply modify the natural environment is more respectful to the ecosystem.  In this way even ‘poor’ materials such as cork have found, for a few years now, renewed life.  In the wake of the now iconic work by Jasper Morrison, we also find the table Degree by Patrick Norguet designed for Kristalia.

 

Quite distinctly hides and leather deserve their own stage as they become ever more popular.  We have spoken often of the highly expressive gesture given to this material by the Campana Brothers, but we can also cite a significant trend towards traditional “know-how” as used in Mario Bellini’s Cab chair.  One can see the hand clearly at work, in Arik Levy’s Breva chair for Molteni where the combination with the wooden structure is emphasized.  Not only are natural materials valued in this trend, mixing can has been similarly applied.  “Cristalplant”, for example, a composite formed by a mixture of minerals, acrylic polymers and polyesters is highly malleable and has "sculptural" characteristics otherwise hard to achieve.  Another example is the base of the Didymos table by Antonia Astori for Driade that combines a surprisingly large and heavy marble top with lightweight honeycomb base, otherwise unachievable with natural materials.

The ambassador of this trend is non other than Patricia Urquiola.  She recently launched Crinoline fro B&B Italia, a collection of outdoor/indoor seating, which she entrusted to the wisdom and craftsmanship of Filipino weavers.  She already had worked this way with Sardinian traditional style and colour creating NAE, a collection of hand-made carpets for MorosoMoroso also showed work by Doshi Levien this year in the form of “impossible wood”, the chair with impossible curves.  In fact the chair is a project that began by challenging the natural properties of wood to overcome its limitations replacing instead with a different perception.  The resulting design reassesses the rigidity of wood as a material by using and regarding it as a malleable and tactile structure instead.  How is it made?  It is a thermoplastic composite made from 80% wood fiber and 20% polypropylene that can be worked with conventional injection molding machines.  The pressure and heat generated from the mold releases moisture from the wood fiber that burns onto the surface of the aluminum press creating in turn a randomly stained leather print effect.

There is no room for nostalgia. This is about a new way of thinking that speaks a global language mixed in with local dialect.  In other words – design converses with manufacturing.  It is cultural sustainability; a desire to ensure that in the future there will be things that have accompanied us in the past.  Even though raw materials are inspiring overall they, alone, are not enough.  2011 is marked by spasmodic attention to detail.  It is a phenomenon that highlights the attention paid to the end user’s appreciation of the actual construction of the product, not only as far as the lifespan of the product is concerned but also in the pleasure resulting from refined and studied detail.  We can see this for example in Taki di Setsu and Shinobu Ito’s chair and sofa for Fornasarig where special stitching gives the backrest a feeling of hypothetical ripples or in the tactile satisfaction received by the thick laquered glass of Charlotte, Joseph Bavuso’s cupboard for Rimadesio.  Even young Salvatore Indriolo engages in this discourse with his Oblique by Horm, a side cupboard featuring a sequence of pivoting doors leaning on each other.  We can also see how certain details can become the centrepiece such as Vincent Garcia Jimenez’s Chaired by Emmebi, which provocatively sees the development of the vertical use of a chair morph into the horizontal function of a bed.

The trend of revealing internal structure is still in force, especially when it comes to transforming metal cages into soft furnishings.   Henry Peter’s radical Clubland by Driade, the essential Emmanuel Gallina’s Aikane by Fast designed for the outdoors, and finally Claesson Koivisto Rune’s uber-comfortable Continental for Swedese are but a few examples.  Even Philippe Nigor was inspired by this same concept when he developed his Canissa sofa for Serranlunga; it’s like sitting inside a real fence.  When speaking purely about attention to manufacturing detail there were two examples of the most beautiful chairs ever presented at the Saloni in recent years.  Both were based on the idea of wood used as folded planes, we are referring to Jörg Boner for Wogg and Stefan Dietz for e15; amongst other things they have been able to work this theme consistently and successfully throughout the years and the Saloni, bravo!   

Trend report by Baolab - Baolab is a laboratory which works on materials and their emotional and performance properties with the aim of recognizing and designing the emotional identity of industrial products and brands.

Orginal text in Italian:

Passato prossimo. Un nuovo rappel à l’orde: le forme classiche riappaiono nelle case come icone di una nuova contemporaneità.Pezzo unico in edizione limitata e design democratico. Lavorazione industriale e abilità artigianale.  Fibre ipertecnologiche e materiali naturali. Il mercato del mobile offre di tutto. Ma c’è una vera tendenza? Qualcosa che identifichi il momento che stiamo vivendo? Insomma: Quale è il futuro delle nostre case e che ruolo avrà il design? La domanda, a una settimana dall’apertura del Salone del Mobile di Milano, è retorica ma pur sempre valida.

Le tendenze presentate al Salone propongono più che singoli oggetti, nuove soluzioni e modi di abitare che tendono a sottolineare il valore dello "spazio libero", nella configurazione di interni luminosi e aperti, privi di vincoli funzionali e tesi verso nuove qualità ambientali. Si sono visti prodotti "anfibi" capaci di attraversare la soglia senza cambiare valenze o funzionalità. Imperversano contaminazioni linguistiche e tipologiche: si attivano trasmigrazioni di vario genere tra design e tecnologia, arte, artigianato e persino la moda.

Il bagno di casa assomiglia sempre di più a una spa e viceversa. Allo stesso modo, grazie alle innovazioni introdotte dalle connessioni web, il design offre soluzioni sempre più raffinate e confortevoli  per lo spazio-ufficio ritagliato o integrato all'interno dell'abitazione. Il design per l'ufficio procede nel perfezionamento delle tipologie esistenti, con grande attenzione a colori, componentistica e sistemi tecnici, ma d'altra parte partecipa come il living al grande gioco delle interpolazioni con linguaggi e comportamenti traslati da ambiti diversi, non ultimi quelli dello shop e dell'hotel.

Gli ambienti diventano polisensoriali. Gli arredi si configurano sempre più come eventi esperienziali che offrono un senso dell'affettività, oppure di rappresentazione iconica enfatizzando la micro e la macro scala. Mentre l'out-door diventa sempre più in-door e viceversa: da una parte nello spazio all'aperto sono ricreate quelle condizioni di comfort e calore proprie dello spazio domestico; dall'altra, è chiara la volontà di costruire negli interni, un contatto, anche se artificiale, con la natura. Spazi all'aperto e aree al chiuso possono creare zone fluide e punti di confluenza, dove la soglia tra naturale e artificiale si assottiglia e sparisce.

È l’Arts & Crafts del terzo millennio. Un percorso condotto tra invenzione e radizione verso la contemporaneità. Ancora un lavoro sul repertorio. Questa volta è la ricchezza ottomana a mescolarsi con il design nordico dove rovere naturale e cuoio mpunturato, vetro soffiato e cromatismi freddi riescono a scaldare l'ambiente e omaggiano il grande passato delle scuole di design nordiche. La firma è quella di Autoban: duo formato da un architetto più un designer che in pochi anni dalle rive del Bosforo sono approdati a New York nello spazio De La Espada. Il motto del brand, ideato da un portoghese e una spagnola, con partenza da Londra nel ‘96, recita: “la sostanza trionfa sullo stile, senza dimenticare l’importanza del segno moderno”.

Non si tratta di casi isolati. È qualcosa di più che un fuoco di paglia. Un ritorno all’ordine, con regole nuove costruite su gesti e sapienze antiche. L’inglese Tom Dixon ha affidato alla manifattura tappezziera George Smith la realizzazione della Wingback Chair: moderna edizione della classica poltrona del 18° secolo. L’olandese Hella Jongerius da anni promuove il design della memoria. È suo il segno contemporaneo che nel 2008 ha interpretato per Vitra la tradizionale sedia in legno da cucina Rotterdam Chair. Suoi sono gli arazzi realizzati per IKEA insieme a manodopera femminile indiana.

La materia come valore. Sicuramente la materia viene assunta nel 2011 come valore di base. I progetti nascono per essere raccontati con un ben preciso materiale e una specifica finitura. Possiamo verificare come quelle che erano una volta considerate fasi di definizione finale, dalla scelta dell’essenza lignea o dai tessuti alle verniciature, assurgono oggi a una posizione di primissimo piano. Ecco allora che Edra propone, con Francesco Binfaré, di applicare sullo storico sistema Paesaggi Italiani di Massimo Morozzi, grandi ante realizzate con masselli di mogano africano appena sbozzati, segnalando come sia maggiormente rispettoso dell’ecosistema l’utilizzo di legni non trattati provenienti da alberi selezionati in base alla maturità del ciclo di vita piuttosto che da piante mono-culturali di rimboschimento, che modificano profondamente la conformazione dell’ambiente naturale. In questo senso anche materiali “poveri” come il sughero trovano da qualche anno una felice interpretazione. Sulla scia dell’ormai classico lavoro di Jasper Morrison, scopriamo il tavolino Degree di Patrick Norguet per Kristalia.

Un discorso a parte meritano poi cuoio e pelle, sempre più presenti nelle collezioni. Abbiamo parlato della veste fortemente espressionista conferita a questi materiali dai Fratelli Campana, ma possiamo anche citare una significativa tendenza a seguire quella grande tradizione del “saper fare” che si riallaccia idealmente alla Cab di Mario Bellini, vedi in particolare la sedia Breva di Arik Levy per Molteni ove si enfatizza l’interessante abbinamento con la struttura lignea. Non sono tuttavia solo i materiali naturali a essere valorizzati, anzi. Un analogo processo riguarda ad esempio il “Cristalplant”, composito formato da una miscela di cariche minerali e polimeri poliesteri e acrilici, che, per la sua elevata plasmabilità, viene utilizzato con risultati “sculturali”, difficilmente raggiungibili altrimenti. Citiamo a questo proposito il basamento del tavolo Didymos di Antonia Astori per Driade sorprendentemente abbinato a un grande piano in marmo alleggerito con honeycomb.

In Italia l’ambasciatrice di questa tendenza è la spagnola Patricia Urquiola. Per B&B Italia ha appena lanciato la linea Crinoline: collezione di sedute outdoor/indoor affidata alla sapienza artigiana dei tessitori filippini. Già con NAE, per Moroso, la designer aveva lavorato sui segni e sui colori della tradizione artigianale sarda per realizzare una collezione di tappeti fatti a mano. Sempre di Moroso dello studio di design Doshi Levien è la “impossible wood”, la sedia dalle curvature impossibili.  È, appunto, un lavoro che parte dalla curvatura impossibile del legno per votarsi al superamento dei limiti estetici dati dal materiale, sostituendoli invece con una percezione più istintiva della prospettiva. Il risultato reinventa il concetto stesso del materiale in una struttura ottenuta con una sostanza plasmabile che ha delle proprietà visive e tattili molto particolari. Si tratta di un composito termoplastico realizzato con fibra di legno all’80% e con il 20% polipropilene che può essere lavorato con le convenzionali macchine per lo stampaggio a iniezione. La pressione e il calore generati dallo stampo, liberano umidità dalla fibra di legno che brucia a sua volta sulla superficie dello strumento in alluminio, creando un effetto pelle, macchiato in modo casuale. 

Nessuna concessione alla nostalgia. Si tratta di un pensiero nuovo che parla una lingua nota mescolata a idiomi locali. In altre parole: il design dialoga con la manifattura. È sostenibilità culturale: volontà di garantirsi nel futuro le cose che ci hanno accompagnato nel passato.

Ma la materia, per quanto esaltata, non basta ancora. Il 2011 è segnato da una spasmodica attenzione al dettaglio. In questo fenomeno possiamo senz’altro riscontrare il riflesso di una maggiore attenzione dell’utente finale alla vera e propria costruzione del pezzo, in termini di possibile durata nel tempo, ma anche nella pura dimensione di piacere per particolari attentamente studiati e definiti. Vediamo ad esempio la sedia e la poltroncina Taki di Setsu e Shinobu Ito per Fornasarig ove speciali cuciture restituiscono allo schienale la sensazione di ipotetiche increspature oppure la teca in cristallo di forte spessore che accessoria la madia Charlotte di Giuseppe Bavuso per Rimadesio. Anche il giovane Salvatore Indriolo si cimenta sul particolare proponendo, nella credenza Oblique per Horm, una sequenza di ante a bilico appoggiate le une sulle altre. Verifichiamo poi come determinati dettagli possano diventare significativi a livello di tipologia. Interessante a questo proposito l’ibridazione compiuta dal giovane emergente Vicente Garcia Jimenez nel letto Chaired di Emmebi, provocatoriamente inteso come lo sviluppo di una sedia e quindi dotato di testata-schienale.

Prosegue inoltre, sempre a livello di dettagli tipologici, la tendenza a estrarre dagli imbottiti la struttura, trasformando i divani in gabbie metalliche con un morbido contenuto interno. Vediamo a questo proposito il radicale Clubland di Peter Hemryr Roberts per Driade, l’essenziale Aikana di Emmanuel Gallina per Fast, tra l’altro destinato all’outdoor, e infine il confortevole Continental di Claesson Koivisto Rune per Swedese. Probabilmente a partire da questo concetto si sviluppa anche l’impattante proposta di Philippe Nigro per Serralunga: il divano Canisse crea infatti attorno alla seduta una vera e propria palizzata. Infine sull’attenta costruzione del dettaglio si muovono gli sviluppi, presentati ai Saloni, di due delle più belle sedute progettate negli ultimi anni, entrambe centrate su un’estetica del legno trattato come “foglio piegato”, facciamo riferimento ai progetti di Jörg Boner per Wogg e di Stefan Dietz per e15: tra l’altro paradigmatici della possibilità di lavorare con costanza, continuità e successo su un tema attraverso gli anni e i Saloni.